L’ultimo appuntamento di “leggerearchitettura” , il 3 ottobre,  con Mirko Volpi per la presentazione di “Oceano Padano”  è stato davvero interessante!

Layout 1

«…Lui ama solo le rogge, i pesci di fosso, le polle d’acqua sorgiva, gli infidi canali ombreggiati dai filari di ontani, le increspature dei fili d’erba delle verdissime distese: e nella sua mente – mentre riposa al tramonto con uno stelo di fiore in bocca – vede tutto ciò tramutarsi in foraggio, concime, latte, formaggio. Lavoro. Ricchezza.»

Si ringrazia Alessandro Barbaglia di Libreria Lazzarelli per il piacevole dialogo con l’autore.

volpi oceano padano con barbagliaserata volpi - oceano padano - lazzarelli

 

Interessante l’appuntamento del 30 settembre con Marino Ferrari per la presentazione del suo libro “la carta ambientale”

“…da un lato si persegue una ricerca tecnologico-industriale esasperata che, talvolta in nome della efficienza ambientale, propone modelli e soluzioni la cui compatibilità con l’ambiente in termini di risorse impiegate e di impatti generati in fase di produzione, uso e dismissione è tutta da verificare…, dall’altro lato vi sono esperienze che mirano a un improbabile processo di rinaturalizzazione dell’ambiente antropico e al recupero di materiali, tecniche e soluzioni costruttive della tradizione che si pongono in modo molto critico rispetto alle potenzialità residue dell’innovazione tecnologica sul fronte della riduzione del consumo di risorse e degli impatti ambientali”.

Con l’intervento di Giannino Piana (Teologo e saggista, già docente di Etica cristiana presso l’Istituto Superiore di Scienze religiose dell’Università di Urbino e di Etica ed Economia presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Torino che attualmente collabora con diverse riviste scientifiche) e la moderazione di Antonella Ferrari è stato un momento di confronto e dialogo su tematiche molto attuali ed aderenti al tema della manifestazione 2015: il territorio.

marino ferrari leggeremarino ferrari leggere 1

Giorgio Scianca ha presentato, il 21 settembre,  “La recita dell’architetto. 1532 film e un videogioco” di Giorgio Scianca, con la collaborazione di Steve Della Casa.

 

un incontro tra cinema e architettura dal quale nasce un libro che mostra il legame indissolubile tra gli edifici, i personaggi che li popolano e i professionisti che li progettano”.

Facebooktwittergoogle_plusyoutubeinstagramflickr